sabato 4 luglio 2020

Piccole recensioni tra amici! "Il dolce domani" di Banana Yoshimoto e "Splendido visto da qui" di Walter Fontana tra Kyoto, satira, fantascienza e mabui

 Ed ecco un nuovo post in questo sonnolento fine settimana di una strana settimana di luglio fatta di una Milano silenziosa e semideserta (che ormai sembra di stare in una città dove tutti sono fuggiti in pieno stile "Decamerone").
 Le biblioteche finalmente hanno ricominciato il prestito e io e il mio portafoglio non è che siamo grati, di più, e almeno questa è una buona notizia. Molto altro da dire in questa estate molto strana e un po' triste non c'è, ma si fa del nostro meglio per tenere il morale alto!

 Intanto vi lascio con due nuove recensioni! Buona lettura!


IL DOLCE DOMANI di Banana Yoshimoto ed. Feltrinelli:

 Sono anni che continuo, ogni estate, visto che i suoi libri escono puntualmente in giugno, a comprare i nuovi titoli di Banana Yoshimoto come atto di fede. 

 So che ormai i tempi di "Kitchen" e "N.P." (il mio preferito in assoluto) sono passati e non torneranno, eppur mi ostino perché anche la delusione viene accompagnata ogni volta da una strana aura rassicurante, molto yoshimotesca a pensarci: comunque vada, esce un libro di una delle mie scrittrici preferite a farmi compagnia. 

 Stavolta, dopo molti anni, finalmente Banana mantiene in parte le sue antiche promesse.

 "Il dolce domani" è una versione di "Moonlight shadow" scritta con maggior maturità.

 In "Moonlight shadow", il racconto contenuto in "Kitchen" che fu la sua allora tesi di laurea, una giovane Banana Yoshimoto, molto anticonformista, amante della vita notturna e in rotta piena col mondo tradizionalista a cui apparteneva anche suo padre, il critico Ryumei Yoshimoto, entrava nel mondo della narrativa con uno stile estremamente fumettoso, all'epoca assai innovativo.

"Il dolce domani" vi farà venire anche molta voglia di andare
nella splendida splendida Kyoto
 Era la storia di una separazione traumatica: c'è una giovane coppia felice, ma lui muore tragicamente in un incidente stradale assieme alla giovane fidanzata del fratello minore. 
I due sopravvissuti cercano di riemergere dal dolore con estrema fatica.
 Era una trama banale scritta in modo sorprendente fresco, doloroso eppure non tragico, estremamente vivido.

 Anche ne "Il dolce domani" c'è un incidente drammatico: Sayoko e il suo fidanzato hanno avuto uno schianto in macchina tornando dalle terme. Lui muore, lei sopravvive nonostante terribili ferite.

 Anche qui lei deve imparare a sopravvivere, o meglio, a vivere di nuovo.

 Ma si vede che Banana Yoshimoto non ha più lo slancio melodrammatico dei vent'anni e le emozioni intense vengono limate in modo quasi soffuso. Sayoko soffre in modo diverso e a cose diverse si aggrappa nel disperato tentativo di venirne fuori. 

 Ed è un esercizio interessante da leggere perché dimostra quanto gli anni ci cambino e diano luce a prospettive diverse. 

 Il tempo ci rende più saggi, più propensi a capire come "lasciar andare". Quando si è molto giovani l'idea di perdere qualcuno è traumatica, impossibile da concepire, impossibile da vivere, com'è giusto che sia, ma quando gli anni passano e il nostro mondo invecchia, capiamo presto che mantenendo un'elevata intensità non saremmo in grado di sopravvivere.

 La bolla in cui vive Sayoko è indispensabile per ricostruire e ritrovare il mabui di cui si parla nel libro. La parte più essenziale di noi, ciò che ci rende noi stessi.
 E' un bel libro, che consiglio e che piacerà, con un tocco di nostalgia, agli amanti storici di Banana.


SPLENDIDO VISTO DA QUI di Walter Fontana ed. Giunti:

La fantascienza è un genere disgraziatamente frequentato negli ultimi anni non ho capito se dagli scrittori italiani, dall'editoria italiana o da entrambi. Si passa da cose estremamente settoriali, ai libri evidentemente per ragazzini alla fantascienza di tipo "satirico".

 "Splendido visto da qui", come anche ad esempio "Il censimento dei radical chic" di Giacomo Papi, curiosamente (ma forse anche no) scritti entrambi da autori tv comici, fanno parte di quest'ultimo genere. 
"Splendido visto da qui" di Walter Fontana

Si prendono delle storture della società odierna e le si porta all'estremo ipotizzando futuri in cui hanno preso il sopravvento in malo modo. Il risultato è che gli spunti sono fantastici, la resa un po' meno.

 Il problema della fantascienza "satirica" infatti è che non sembra aspirare a raccontare una storia compiuta, ma ad evidenziare un tema con una sorta di freccia luminosa: vedi cosa c'è che non va? Lo vedi?

 E tu lo vedi per carità, ma vorresti anche leggere una bella storia, non un'arguta intuizione.

 Al contrario de "Il censimento dei radical chic" che si risolve in modo deludente nella sua eccessiva brevità, "Splendido visto da qui", pur con alcune evidenti contraddizioni di trama, è sicuramente raccontato in modo migliore e più esteso.

 Ci troviamo in un futuro, non lontanissimo, il cui la retrotopia è diventata realtà: le persone vivono in un mondo diviso per decenni. 
Un po' come in Hunger Games sono divisi in regioni a seconda del lavoro, qui sono divisi per decennio.

 Le persone vivono o negli anni '60-'70-'80-'90-'00 inseriti in un contesto da vero e proprio Truman Show: la musica, le notizie, gli oggetti, il cibo, tutto appartiene ad un decennio specifico che, ogni 10 anni, ricomincia da capo.

 In questo contesto, particolare importanza ha il lavoro dello spazzino, incaricato di trovare nella spazzatura, merce di contrabbando che passa da un decennio all'altro. Chi viene scoperto in possesso di una marmellata anni '80 negli anni '60 rischia di essere arrestato, per non parlare dei contrabbandieri in persona.

 Il protagonista è un solerte spazzino che ricorda un po' il protagonista di "1984": è inserito nel sistema e dopotutto non gli spiace, anche se qualcosa, in generale, non gli torna.
 Un giorno lo spazzino trova in un frigo una ragazza scappata da un altro decennio e da lì si dipana una storia di contrabbando e malversazione statale.

 Il libro è molto piacevole, l'ho letto velocemente e ho apprezzato l'idea della nostalgia come trappola anche se esposta qui e lì in modo didascalico.
 Tuttavia sul finale denota il problema di cui parlavo a monte: se fosse stata una storia di fantascienza concepita come tale e nel rispetto del genere, avremmo avuto altre spiegazioni e sarebbe accaduto qualcosa. Qualcosa di grosso intendo. La storia del piccolo ingranaggio che devasta il sistema inceppandosi avrebbe avuto una deflagrazione importante e avrebbe anche trasformato il libro in qualcosa di importante.

 Invece Fontana si accontenta di un finale un po' tanto facilone ('sta mania di iniziare i libri e poi a un certo punto buttarli in caciara deve passare), con un contesto che non viene minimamente sfiorato dalla storia principale. Non veniamo mai a sapere se le persone costrette in questi decenni vivono male o sono felici, se attendono la rivolta o, dopotutto, stanno benissimo come stanno.

 Il dubbio è che non lo sappia nemmeno Fontana e che fosse semplicemente appagato del risultato raggiunto dal suo spazzino. Tutto bene per carità, ma è un po' poco e valeva la pena rischiare e crederci un po' di più. Le potenzialità c'erano, perché sprecarle?

In ogni caso un bel libro, magari, perché no, potrebbe esserci una seconda parte?

domenica 28 giugno 2020

Le recensioni di mezzo. "Le storie del negozio di bambole" di Tsuhara Yasumi, esercizio di stile tra manga, gialli e arte.

 Un giocattolo che ha sempre riscosso su di me un interesse pari allo zero è la bambola.
Anche a distanza di anni la trovo una cosa inquietante

Già da bambina la detestavo, trovavo inquietante l’idea di un bambino che immagina di essere la mamma di un altro bambino e, per quanto l’età adulta mi abbia rassicurato al riguardo su più fronti (l’emulazione delle figure di riferimento blabla) continuo a non trovare appassionante l’esistenza dell’oggetto transazionale per eccellenza.

 Di solito le bambole sono protagoniste di due tipi di storia: quelle per bambini e quelle horror. La cosa, da un certo punto di vista, mi rassicura perché io nelle bambole ho sempre visto un lato assolutamente inquietante e sapere di non essere la sola mi fa sentire meno strana.

 Mi spiace, ma l’idea di un giocattolo che riproduca un essere umano, per giunta in piccolo, per giunto necessitante di cure da un altro essere che neanche sa badare a se stesso, mi era misteriosa e fastidiosa già all’asilo. 

 Non solo non capivo cosa ci fosse di attraente nell’imitare passeggini e pose materne, ma oscuramente lo avvertivo come sospetto. Cosa voleva quell’essere inanimato da me? Perché dovevo nutrirlo e portarlo in giro se, per giunta, non si degnava neanche di dare segni di vita?
"Le storie del negozio di bambola"
di Tsuhara Yasumi ed. Lindau

 Non andava meglio con le Barbie che, ovviamente, mi regalavano. Mi sforzai una volta di cucire un vestito da sposa (perché mia madre amava cucire e pensava che dovessi amarlo anche io) e fu divertente il processo in sé della costruzione dell’abito, ma una volta e mai più e della Barbie anche chissene. 

 Raggiunsi il culmine quando tagliai le trecce perfette di una similbarbie per vedere come stava con un altro taglio. Sgridata epocale, ma almeno la facemmo finita di fingere che mi piacesse quella roba.

 Tuttavia più di altri giocattoli è evidente che tali sentimenti possano essere suscitati solo da un giocattolo dal complesso significato simbolico e dal lontano passato.

 Tale complessità, che cambia radicalmente anche a seconda della cultura di riferimento, si evince da questa bella raccolta di racconti di Tsuhara Yasumi.

 Il filo conduttore delle storie è il negozio per la riparazione di bambole che la protagonista, Mio, ha ereditato dal nonno che è andato beatamente a godersi la pensione in Nuova Zelanda.

 Lei, che ha passato i 30 anni e quindi in Giappone è ormai merce vecchia per il matrimonio, (cosa che non fanno altro che ripeterle lanciandole frecciatine che in Italia finirebbero nel sangue), è stata appena licenziata da un’agenzia pubblicitaria e così decide di lanciarsi nell’impresa.

 Assume quindi un giovane riparatore avvenente che fa strage tra le liceali pronte a sborsare cifre ingenti per gli orsetti usciti dalle sue sante mani e un mysterioso uomo di mezza età dalla grandissima esperienza e il passato oscuro.

 Devo dire che le premesse per un manga in pieno stile Clamp (mi ricordava in principio molto Lawful Drugstore che le disgraziate Clamp non hanno mai terminato, maledette loro) c’erano tutte e un po’ mi spiace che l’autore, che pure viene dal genere horror, non abbia forzato la mano.

Tuttavia è notevole l’esercizio di stile dei racconti, come Tsuhara Yasumi si fosse imposto (cosa che non escludo potrebbe aver fatto) di scrivere una novella per ogni genere letterario: horror, giallo, erotico, colto, slice of life ecc.

 Traspare dai racconti l’incredibile cultura che i giapponesi hanno in materia di bambole e che, probabilmente, ha determinato l’attuale importanza di un altro tipo di bambole a uso erotico o di semplice “compagnia” (ho scoperto l’esistenza delle dutch wife, sorta di raffinatissime bambole a uso sessuale dal nome peculiare). 
"Chobits" 

 Questo mi ha riportato ad altre storie delle Clamp, soprattutto “Chobits”, che vede protagonista una tipologia di bambola che rappresenta un po’ l’ideale dell’uomo giapponese: la ragazza giovane, dolce, pura e incontaminata (al punto che per un particolare di fabbricazione inquietante voluto da suo “padre” non può fare sesso senza resettare la propria memoria). 

 In questo mondo del futuro ci sono anche delle vere e proprie forme di unioni tra esseri umani e bambole prefabbricate. Ovviamente non è l’unico fumetto del panorama manga in cui una bambola umanoide incarna i desideri di perfezione dei personaggi, perciò immagino che sia qualcosa di ricorrente nell’immaginario giapponese.

 Una raccolta originale, ben fatta, che riesce in pieno nella sua variazione sul tema abusato del “giovane ad un punto morto della sua vita eredita negozietto da parente anziano o defunto”. 

 Al punto che mi piacerebbe tantissimo ci fosse un seguito (magari qualcuno che legge in lingua originale mi sa dare lumi in merito).

 Credo che potenzialmente gli spunti siano infiniti e tutti i personaggi meriterebbero di avere un destino compiuto (anche se i lettori di manga sapranno benissimo che l’idea di un finale chiuso sembra proprio fare orrore agli autori giapponesi).

 In ogni caso, lettori amanti del Giappone, è un libro tutto da leggere! 

 Perfetto per le serate estive, tra una fetta d’anguria e un po’ di umeshu venduto a peso d’oro nei negozi di alimentari orientali.

Ps. Un caso da manuale sul confine un po' labile tra infanzia, orrore e bambole, si può trovare nel bellissimo "Vita segreta della bambola solitaria" di Jean Nathan, la biografia della fotografa e scrittrice Dare Wright, poco conosciuta in Italia, famosissima anni fa negli Usa per la serie dedicata alle avventure di una bambola (bambola di proprietà della stessa Wright in un gioco di specchi e di rapporto strettissimo con la madre).

domenica 21 giugno 2020

La vita non è un film. "Lettere a me stessa" di Kabi Nagata, una recensione tra ansia, speranza e viaggi interrotti.

 L’esperienza della lettura è talmente complessa e sfaccettata che anche dopo anni dà la possibilità di provare nuove emozioni. Ad esempio non mi era mai capitato, fino a pochi giorni fa, di essere in ansia per il futuro di un autore.

 Mi è successo con “Lettere a me stessa” di Kabi Nagata, una sorta di memoir a fumetti, scritto in forma di lettere che l’autrice scrive alla sé stessa del futuro.

 Ero davvero entusiasta (so che suona come “sono veramente euforico”, scusate) di leggerlo dopo il bellissimo “La mia prima volta”, nel quale la Nagata raccontava la sua prima esperienza sessuale avuta con una escort lesbica. 

 Detta così sembra una cosa gigatorbida (so che accostare le parole lesbica ed escort in troppi cervelli è fatale ed è sintomo di qualcosa di incredibilmente perverso, ma la realtà, miei cari, è ben diversa da un porno), in realtà a Nagata aveva deciso di far ricorso a questo espediente come extrema ratio.

 Sostanzialmente, ci racconta, fino alla fine delle superiori la sua vita sembrava, tutto sommato, abbastanza normale. Brava studentessa, con specifici interessi e tanti amici, poi con l’università l’inizio dei problemi. 

 La mancanza di punti di riferimento e di una solida struttura che garantisse una precisa scansione del tempo giornaliero e il contatto forzato (e bramato) con coetanei, precipita l’autrice in una spirale di incertezza, ansia e infine vera e propria depressione. 

 Lascia l’università, inizia alcuni lavoretti part-time e l'insostenibile pressione sociale che la travolge viene aggravata dai genitori che non prendono sul serio il suo disagio, ma pensano che caricarla di aspettative e lanciarle frecciatine sia un modo per stimolarla.

 In realtà finisce per scivolare sempre più a fondo tra autolesionismo e disordini alimentari.

 Ad un certo punto, dopo alcuni terribili anni nei quali ha cercato in ogni modo di riemergere dalla disperazione, Kabi Nagata prende una decisione: non ha mai avuto nessuna esperienza né di tipo sentimentale né, ovviamente sessuale. 

 Pensa che questo sia uno dei veri ostacoli alla vita normale alla quale tanto agogna e così prende il coraggio a due mani e prenota una escort.

 Io devo dire che seguivo il suo malessere benissimo. Capivo tutto, a partire dallo spaesamento fortissimo dopo le superiori.

 In molti provano un lungo periodo di spaesamento e anche di tristezza durante i primi mesi o anche anni universitari: hai fatto di tutto per adattarti alla vita scolastica per anni e, quando finalmente ci sguazzi come un pesce nel suo oceano, ecco che vieni bruscamente spostato in un habitat completamente diverso. 

 L’università è maggiore indipendenza, nuove conoscenze, più responsabilità.
 Intendiamoci, tutte cose belle che iniziano a prepararti alla vita vera (quando leggo di universitari che si lamentano della poca meritocrazia durante gli esami provo sempre un moto di tenerezza, per la serie “non sai cosa ti aspetta caro mio”), ma per alcuni possono essere davvero una seria e insostenibile fonte di disagio.

Per Kabi Nagata è stato così, o almeno è quello che si evince dal suo primo libro che, infine, termina con una nota di speranza che lascia al lettore la sensazione che tutto stia andando al suo posto e presto avremo il giusto lieto fine che rassicurerà tutti quanti.

 E qui veniamo a “Lettere a me stessa” che, nell’originale, se ho ben capito, era diviso in due volumi e, infatti, consta di due epiloghi, uno a metà libro e uno alla fine.

"Lettere a me stessa" di Kabi Nagata ed. JPop
Nella prima parte, Kabi Nagata raccoglie i frutti dei suoi sforzi del libro precedente: l’esperienza con l’escort non le ha dato quello che sperava, ossia non ha scoperto improvvisamente le magie dell’amore e dell’eros. 

 Come scrive, il sesso è comunicazione, e lei è totalmente chiusa in sé stessa: deve prima imparare a comunicare per poter intessere un dialogo di corpi così intimo. 

 Tuttavia, dopo anni passati a vaneggiare di voler diventare una mangaka, ha finalmente deciso di raccontare la sua storia riscuotendo un enorme successo che le ha dato abbastanza una tale indipendenza economica da poter decidere di andare via di casa.

 Ovviamente non è così semplice, si intuisce che i 10 lunghi anni di depressione che ha attraversato hanno lasciato dei segni pesantissimi ed è davvero molto fragile. 

Così da lettrice ho iniziato a provare questa inedita sensazione: ero in ansia per l’autrice.

Voltavo le pagine e mi dicevo: dai Kabi, vedi che sta andando tutto per il meglio? Questa è davvero la volta buona!

 Invece, per ogni passo in avanti ce n’era uno indietro. La mazzata per il lettore arriva dopo il primo epilogo. 
 Tu stai lì che l’hai vista finalmente andare a vivere sola, iniziare a tenere un po’ testa ai suoi genitori, persino uscire con una ragazza e baciarla quando braaaaaaaaam tutto collassa.

Nella seconda parte ha un crollo totale e inaspettato che si ripercuote sullo stesso tratto del disegno, ridotto completamente all'essenziale, a tratti tremante e ancor più stilizzato.
 Impossibile non essere investiti dal crollo emotivo, tanto che, scrive, molti lettori, colti alla sprovvista, hanno dato recensioni negative delle nuove lettere (che, in originale, venivano rilasciate man mano). Ma lei, si dice, non può cambiare la storia della sua vita solo per far loro piacere.

 Ed è qui che si svela tutto l’inganno tra lettore e autore in quei libri, complicati da gestire, che sono i memoir.

 Mentre per l’autore la corrispondenza tra vita e scrittura è spesso (non sempre perché in molti casi viene inserito un elemento di romanzamento) identica, per il lettore il passaggio non è invece così immediato. 

 La sensazione predominante è quella di leggere sempre e comunque una storia che rispetterà i canoni della finzione.

Per questo motivo la seconda parte del libro coglie alla sprovvista il lettore. Abituati, da manuale, a seguire un viaggio dell’eroe codificato in un modo assai preciso, eravamo convintissimi di trovarci nella parabola discendente: il peggio è passato, l’esperienza un po’ borderline con la escort le ha dato il giusto slancio per risolvere i suoi numerosi problemi e tutto sta andando al suo posto.

 Ma, come cantavano saggiamente gli Articolo 31, la vita non è un film e neanche un romanzo. 

 Così, per Kabi Nagata, la parabola che stava scendendo risale improvvisamente, inaspettatamente, senza, sembra, neanche un fattore particolarmente scatenante. 

 Ed è a quel punto che il lettore (e da quello che si evince, anche i genitori della protagonista) capisce finalmente quanto abissalmente profondo sia il disagio che ha soverchiato Kabi Nagata cercando con tutte le sue forze di rimanere a galla.

Veniamo spiazzati perché vediamo minare le nostre certezze: andrà tutto bene, si risolverà tutto, il tempo guarisce ogni cosa.

 Sono formule magiche ci ripetiamo, giustamente, tutti i giorni per superare momenti che appaiono difficili o imperscrutabili. Abbiamo bisogno di credere che andrà tutto bene perché altrimenti rischieremmo di rimanere immobili.

 Poi leggi storie come quelle di Kabi Nagata e rimani spiazzato e rimani in ansia, per lei, ma anche per te.

 Perché sai che se lei non risolverà i suoi problemi, se la storia non avrà un lieto fine, allora l’incantesimo avrà subito una bordata di difficile contenimento. 

 Intendiamoci, accade anche nella vita di incontrare persone perse e sperdute, ma quante volte decidiamo di distogliere gli occhi o quante rischiamo di arrabbiarci perché, nonostante tutti i nostri sforzi, proprio non ne vogliono sapere di essere “aggiustate”?

Ma la vita, che pure, ripeto, ha bisogno di quelle formule magiche per vivere, è spesso devastante e ingiusta e Kabi Nagata, con un’onestà cristallina, una lucidità davvero notevole, continua a ricordarcelo, pur persa nei suoi fiumi di lacrime.

 Le cose andranno meglio per lei? A giudicare dalla copertina del suo terzo libro, almeno al momento sembra di no, ma noi lettori non possiamo far altro che crederci e mandarle i nostri migliori auguri perché essere gentili di certo non basterà, ma non potrà mai neanche farle del male.

Vi lascio, bonus track, "Non è un film" degli Articolo 31 che mi frulla in testa da quando ho iniziato a pensare a questo post!




lunedì 15 giugno 2020

Talvolta con le rose è meglio non perderci tempo. "Laura Dean continua a lasciarmi" di Mariko Tamaki tra fluorescent adolescence, il migliore dei mondi possibili e falsi idoli


Abbiamo tutti passato l’adolescenza e post adolescenza a cercare qualcosa del quale sentivamo oscuramente il bisogno o per il quale provavamo un incipiente interesse, ma che, vuoi la provincia, vuoi la geografia, vuoi lo spirito del tempo, non ci era concesso raggiungere.

Io ho passato, ad esempio, parecchie ore dei miei ultimi anni del liceo e dei primi dell’università, alla ricerca di film e libri a tematica lgbt. Posso assicurarvi che si trattava di una faccenda laboriosa anche per una biblioteconoma in erba, naturalmente portata per sviscerare i complicati link di un web ancor meno organizzato dell’attuale.

"Laura Dean continua a lasciarmi" di Mariko Tamaki
(minipancake frutto della mia follia)
Per anni ho scartabellato biblioteche e chiesto in prestito all’hi-fi del paese oscuri film vincitori di altrettanto oscuri premi indie il cui unico pregio era stato quello di farlidoppiare anche in Italia dando la flebile speranza ad alcuni produttori di ricavarne qualcosa (ah, la triste vita di chi non padroneggia le lingue straniere!).

Nulla lasciava presagire quello che è accaduto negli ultimi 10 anni: una valanga di telefilm con personaggi lgbt, film (ancora troppo pochi o troppo tragici in verità, romanzi (idem) e fumetti.

E’ stato come aprire una diga e i ragazzini di adesso, non dico assolutamente riescano a trovare rappresentazioni o materiali lgbt nella stessa misura dei loro coetanei etero, ma ehi, ragazzi, è una valanga in confronto a quello che per anni ho faticosamente estratto qui e lì come pepite nel klondike.

Questo è stato il mio primo pensiero leggendo il nuovo libro di Mariko Tamaki, disegnato da Rosemary Valero-O’Connell: “Laura Dean continua a lasciarmi” ed. Bao Publishing.

Ci troviamo infatti davanti a una storia che anche solo pochi anni fa non sarebbe mai stata raccontata così (e la protagonista lo dice anche ad un certo punto): lei sta con lei che continua a lasciarla.
Non ci sono relazioni clandestine, coming out, genitori che non devono sapere, ostacoli sociali di sorta. La storia non parla di un amore lgbt con tutte le solite conseguenze e correlazioni del caso. La storia parla di un amore che, in questo caso, è tra due ragazze.

Potrebbe essere un sintomo di progresso o di come la carica rivoluzionaria delle relazioni lgbt stia completamente detonando davanti a una società che le sta assimilando nel modo che le è più congeniale (le relazioni omosessuali hanno iniziato ad apparire fortemente accettabili e accettate nella società odierna nel momento in cui i matrimoni gay sono riusciti a connotare nell’istituzione più normalizzante della storia nella percezione comune una componente percepita come promiscua e destabilizzante).

Ai posteri l’ardua sentenza. Ma di certo graphic come questa dismostrano che l’assimilazione si sta svolgendo in modo ineluttabile e incredibilmente meno complessa di quel che ci saremmo aspettati anche solo pochi anni fa.

Mariko Tamaki è una già conosciuta autrice canadese di origine asiatiche che, solitamente, va in coppia con sua cugina Jillian. Insieme hanno prodotto vari titoli dei quali due tradotti in Italia: “E la chiamano estate” e “Skim”.

Pur conservando anche qui un certo tocco rarefatto nella scrittura, si capisce chiaramente il perché stavolta Mariko abbia abbandonato la cugina in favore di una nuova disegnatrice.
Il livello e il tono delle storie sono completamente diversi. Pur trattando tutte le graphic di temi adolescenziali come l’amore, le relazioni con altre persone più o meno adulte (che tendono a comportarsi in modo irresponsabilmente poco adulto coi più giovani ponendoli sul loro stesso piano di maturità), le nuove consapevolezze sentimentali, ma anche sessuali, “Laura Dean continua a lasciarmi”, conserva un tono più leggero.

Skim” raccontava tra lunghi silenzi, disperati tentativi di accettazione e una certa rassegnazione propria degli adolescenti che pensano la propria adolescenza non finirà mai, dell’innamoramento di una studentessa canadese di origine asiatica per la sua insegnante fricchettona e instabile.

Laura Dean continua a lasciarmi” mette invece in scena una relazione tra pari, in cui il rapporto prevaricatore da parte di una delle due parti può esserci solo perché l’altra glielo permette.

Non c’è un adulto scarsamente maturo che approfitta di qualcuno del quale dovrebbe prendersi cura, ma due adolescenti che hanno una storia assai tipica, a prescindere dall’orientamento sessuale: come nella storia del piccolo principe”, la protagonista, Frederica, è il giardiniere e la bella Laura che continua a lasciarla è chiaramente la rosa.

Se Saint-Exupery rendeva poetico un rapporto fondamentalmente sbilanciato, le cose sono in verità ben diverse. Frederica infatti è completamente in balia dei capricci di Laura, che sa di essere irresistibile, è consapevole di essere la parte forte della coppia: è lei la più bella, la più desiderata, quella che l’altra dovrebbe considerarsi fortunata a poter frequentare.

Si vede spesso nei telefilm americani (la storia è ambientata in California), la gente che dice: beh tu sei un 60 e x è un 100 intendendo una scala di valori in cui la persona desiderata è assai più bella e intelligente di te, quindi poco da pretendere o da scherzare.

La base di questo squilibrio è la fonte della sofferenza di Frederica che, all’inizio, scopre Laura a tradirla. Laura che l’ha già lasciata varie volte per poi tornare sempre senza troppa fatica. Sa che Frederica si sente fortunata ad averla e non la lascerà mai.

Nel lungo viaggio interiore che Frederica affronterà per capire che l’unico valore di una persona è quello che riesce a darsi, molti personaggi assai queer si affollano attorno alla protagonista. 

Se nelle precedenti graphic i genitori e gli adulti hanno sempre una connotazione negativa e distante, qui sono sì fonte di guai seri (che in Italia avrebbero anche portato alla galera immagino), ma anche riferimenti positivi a cui aggrapparsi.

Il mondo può essere molto incidentato, ma i buoni amici non ti faranno sentire mai solo.

Anzi, come in “Skim”, anche qui la protagonista si rende conto dei suoi errori, della sua vulnerabilità e di quanto sbagliata sia la sua relazione solo specchiandosi in un’altra persona.

Vedendo i propri amici muoversi affannosamente come noi in un mondo che appare una gigantesca ragnatela pronta a imprigionarci, possiamo individuare i nostri nodi, sperare di tagliarli e tornare liberi.

Frederica ce la fa perché ha molte persone che la amano e rendono un amore sbagliato quello che è: un falso amore.

La stessa identica storia avrebbe potuto essere assai diversa e incredibilmente distruttiva, ma è anche qui la morale della storia: sei tu che decidi che qualcuno possa continuare a lasciarti, sei tu che decidi se essere una buona amica o un appuntamento favoloso. Devi avere fiducia e devi darti valore e allora i falsi idoli saranno tutti smascherati, anche se si presentano sotto le sembianze di ragazze dalla bellezza abbagliante.

Aggiungo questo post scriptum necessario oggi. 

Il mondo descritto nel fumetto non è ancora purtroppo la regola: E' letteralmente il migliore dei mondi possibili allo stato attuale. Mentre in California o Canada adolescenti lgbt si lasciano e si prendono alla luce del sole come è giusto che sia a quell'età, purtroppo in altre parti del mondo la situazione è drammatica.
Sarah Hijazi

 Non avrei fatto questo post scriptum che so essere lapalissiano se oggi non fosse arrivata la notizia del suicidio di Sarah Hijazi, una giovane donna di appena trent'anni che qualche anno fa si macchiò dell'incredibile reato di sventolare una bandiera arcobaleno ad un concerto. 

Per questo terribile reato fu arrestata e in carcere subì pesanti violenze prima di trovare rifugio in Canada. Oggi si è uccisa ed è per lei e per chi al mondo non è neanche libero di agitare una bandiera arcobaleno mentre va al concerto del suo gruppo preferito che dobbiamo lottare.

 E ce n'è da fare, anche a casa nostra, dove non riusciamo neanche a far approvare una legge contro l'omotransfobia con la Chiesa cattolica più intransigente e influente che grida alla limitazione della libertà di opinione (perché ovviamente l'omotransfobia per certa gente non è un crimine, ma una legittima opinione). 

Dobbiamo rendere questo mondo migliore per tutt* e che non esista più nessuna Sarah. Anche per questo, lavorare per tirare Zaki, lo studente dell'università di Bologna attualmente imprigionato nelle carceri egiziane, sarebbe un inizio.


mercoledì 10 giugno 2020

Conturbanti e perturbanti. I personaggi lesbici nei gialli all'italiana tra sogni, lucertole, Moravia ed Edvige Fenech.

Come sa chi mi segue da tempo, per molti anni ho scritto la rubrica di consigli letterari su Lezpop. 

Da qualche tempo il sito è irraggiungibile (il motivo non lo so neanche io, quindi non chiedetemi) e mi spiaceva che i tanti consigli dati in questi anni fossero andati perduti.

Siccome il mio era un contributo esterno (e su base volontaria), dopo aver contattato la admin, ho deciso di ripubblicare i miei articoli (una volta tanto la mia tendenza da anziana precoce a scrivere tutto prima in word è servita a qualcosa).

 Il mese del pride mi sembra un buon mese per iniziare e sì, in realtà anche io come voi spero che Lezpop torni in auge o nasca qualcosa di simile o, perché no, di completamente nuovo. E' stato qualcosa di cui in tantissime sentivamo davvero il bisogno.

Il post col quale voglio iniziare è uno di quelli che mi sono divertita di più a scrivere: le lesbiche presenti nei gialli all'italiana.

 Nel 2015, più o meno in corrispondenza di halloween, sviluppai un amore tardivo, che tuttora mi accompagna, per il genere: per anni lo avevo evitato, convinta che avrei avuto troppa paura (!).

La scena del sogno erotico di "Una lucertola con la pelle di
donna" è FANTASTICA
 Dopo una dozzina di pellicole mi resi conto che avevo visto apparire una quantità assurda di personaggi lgbt, una cosa, considerando la stitichezza al riguardo del nostro cinema (che di solito le lesbiche le faceva solo intuire e i gay erano sostanzialmente gente disperata pronta a commettere qualche insano gesto), davvero peculiare. 

Cercai qualche info su internet, ma stranamente non c'era nulla se non trafiletti qui e lì, così, come mi è capitato di fare spesso, se una cosa non la trovo me la faccio da sola (con tutti i miei limiti cinefili eh).

 Eccovi il mio vecchio articolo, un po' modificato, riproposto.

 Ne vorrei parlare anche in una diretta sul mio profilo instagram, finalmente dopo anni la piattaforma ha capito che c'era gente (tipo me) che non si era mai adoperata con igtv per pigrizia e ora permette di salvarle in automatico (quindi anche se ve la perdete la trovate nel mio feed: profilo sempre @idoloridellagiovanelibraia).
 Buona lettura!



 Chiunque sia vagamente appassionato di gialli all'italiana non avrà potuto fare a meno di notare l'ingente quantità di personaggi omosessuali presenti nelle assurde e sanguinolente pellicole che venivano sfornate con imbarazzante facilità e velocità negli anni '60 e '70.

Negli stessi anni c'era anche un filone del fumetto
italiano altrettanto weird e pieno di personaggi L e B
(in trame purtroppo assai meno creative e più
sull'erotico e basta).
Tra l'altro, per una volta nella storia, al netto delle apparizioni, le lesbiche battono in modo schiacciante gli omosessuali maschi (spesso e volentieri confusi con donne transgender). 

Perché?

 Presto detto: i gialli all'italiana, per il loro carattere violento, sanguinario e spesso con interpolazioni fantastiche, si inserivano in un contesto STRAordinario e perturbante, in cui i coprimari non potevano essere che persone fuori dalla norma e in grado di suscitare un forte turbamento negli spettatori.

Le lesbiche erano in questo caso perfette.

 Non solo appartenevano ad una sfera misteriosa e percepita come deviante, ma avevano un grandissimo pregio: contenevano, per l'amplissimo pubblico di maschi etero, una forte componente erotica.

 Non vi aspettate che le lesbiche dei gialli all'italiana siano delle butch o delle scaricatrici di porto, esse sono quasi sempre avvenenti, disinibite e molto vogliose. Nonostante gli stereotipi, ciò non ha impedito che in qualche caso il personaggio lesbico avesse una sua profondità e riuscisse a sopravvivere persino fino alla fine della pellicola.

I criteri con cui ho stilato questa lista sono i seguenti:
  1. Una grandissima parte dei gialli all'italiana ha una scena (adesso risibile) di sesso lesbico, che però di solito serve solo ad alzare il tono erotico della pellicola. Ho evitato i film in cui questo non ha attinenza con la trama, ma è solo strumentale.
  2. Alcuni film, come l'assurdo “Top sensation”, erano praticamente soft porno con una vaga trama. Ho evitato pure quelli.
  3. Se volete capire quali film vale la pena vedere, puntate su quelli con Florinda Bolkan, attrice bellissima e molto in voga all'epoca, apertamente bisessuale, che ebbe una lunga e non velata relazione con la potente produttrice Marina Cicogna.

Detto ciò, buona visione!


GATTI ROSSI IN UN LABIRINTO DI VETRO – Regista Bruno Lenzi (1975):

Una comitiva di americani in vacanza a Barcellona e si ritrova coinvolta nei piani di un maniaco omicida che uccide le sue vittime per strappar poi loro l'occhio sinistro. Gli statunitensi, tra i quali spicca una coppia lesbica (con qualche problema di violenza domestica che però credo venga fatto passare per passione), Naiba, modella e la sua compagna Lisa, fotografa, si ritrova suo malgrado coinvolta, quando una loro compagna di viaggio diviene una vittima del pazzo.

Lo spettro dello psicodramma coniugale è nell'aria: c'è infatti una relazione adulterina tra due partecipanti, Mark e Paulette e si pensa che l'omicida sia nientemeno che la moglie di Mark, donna disturbata che lo ha inseguito fino in aeroporto prima della partenza.

Sarà vero? Lo scoprirà la nostra consorella Naiba grazie ad alcune fotografie. Si salverà in extremis, ma si salverà.
Giallo in cui la lesbica (un'attrice addirittura di colore, avanguardia pura) non solo non è l'assassino e non muore, ma investiga persino, 


UNA LUCERTOLA CON LA PELLE DI DONNA - Regista Lucio Fulci (1971):

 Capolavorissimo del genere, con invenzioni oniriche davvero notevoli, assolutamente da avere e da vedere.

 Il giallo, abbastanza complicato, trasuda anni '70 da ogni poro. 

 Al centro della vicenda c'è il delitto di Julia Durer, donna disinibita e bellissima interpretata dalla bionda Anita Strindberg. 
 La sua vicina di casa, l'avvenente Carol aka Florinda Bolkan, disprezza il di lei stile di vita ritenendola libertina e riprovevole visti i numerosi festini a base di sesso che la dirimpettaia organizza legittimamente in casa sua.

 Che i vicini abbiano qualche ossessione gli uni sugli altri è, come si dice, carta conosciuta.
 Ma lo è altrettanto il fatto che ogni ossessione nasconde una motivazione: in questo caso la bella Carol disprezza tanto, ma poi fa sogni ad alto contenuto erotico sulla vicina.

 Non immaginate scene becere e tirate via, la volontà di riprodurre l'assurdità e anche l'inquietudine angosciosa di un sogno al confine con l'incubo c'è tutta. "Cenerentola" dopotutto aveva ragione: i sogni son desideri, di felicità. 

 Il giallo è ordito bene nonostante alcuni cliché (la solita gente che muore perché si dà appuntamento nei posti più isolati possibili e cade vittima di qualche tranello) e con un certo spirito del tempo assai gustoso (gli hippie che forse hanno assistito al delitto, ma non se lo ricordano perché erano strafatti).

 Il film è passato se non alla storia, almeno alla cronaca, per la scena dei volpini vivisezionati.
 Il celebre Carlo Rambaldi, creatore di ET, fece dei volpini talmente verosiminili che il regista, Fulci, fu trascinato in tribunale dove fu costretto a provare che sì, erano proprio pupazzi.


UNA SULL'ALTRA - Regista Lucio Fulci (1969):

 George è un medico con una moglie malata e in clinica, Susan, con cui non ha più grandi rapporti e un'amante fotografa un po' androgina, Jean. Ad un certo punto la moglie muore e lo lascia erede di una ricchissima somma.

  Quando si scopre che la donna è stata avvelenata, George diventa il sospettato numero uno e per aggiungere caos al caos, ecco venire allo scoperto una spogliarellista misteriosamente identica alla moglie defunta. 
Chi è la donna? Perché George ha meritato quell'eredità? George scamperà alla sedia elettrica?

Anche il piano migliore può essere rovinato dal caso.

 Film censuratissimo per una scena di seduzione lesbica tra la spogliarellista misteriosa e Jean, merita per le protagoniste, seppur evidentemente ingessate, la bellissima, e provvista di un delizioso taglio corto, Elsa Martinelli (che appare anche in uno stranissimo film di fantascienza con Marcello Mastroianni, "La decima vittima", recuperatelo) e Marisa Mell.


TENEBRE – Regista Dario Argento (1982):


Thriller di Dario Argento, che da sempre aveva infilato personaggi omosessuali nei suoi film (generalmente maschi, salvo un accenno ad un'antiquaria lesbica ne “L'uccello dalle piume di cristallo”), la storia vede come protagonista lo scrittore di gialli splatter Peter Neil.

Costui, giunto a Roma, deve vedersela con un maniaco che lo perseguita, uccidendo una persona dietro l'altra, in modo pedissequo a quello descritto nei suoi libri. 

 Dopo aver assassinato una cleptomane e una scream queen, il nostro omicida (o forse non lui) si avventa su una coppia lesbica in crisi.

 Le due vivono insieme, ma la loro vita comune è tormentata dai continui tradimenti della bisex della coppia. Finiranno uccise in casa, una in modo particolarmente cretino.

  Il film è famoso per la partecipazione di una giovanissima Veronica Lario, fu signora Berlusconi (che qui non è lesbica, ma lo è stata in un film della Wertmuller).


AMORE E MORTE NEL GIARDINO DEGLI DEI – Regista Sauro Scavolini (1972):

Un ornitologo affitta una villa in campagna per fare meglio bird watching (gli uccelli sono assai amati dai registi horror).

 Qui rinviene alcuni nastri contenenti la storia torbida e inquietante di due fratelli, Manfredi e Azzurra, legati da un rapporto incestuoso. I due, avevano cercato di separarsi unendosi ad altre persone.
 Per prima aveva iniziato Azzurra fidanzandosi con un musicista, e poi Manfredi, nel tentativo di ingelosirla aveva intrecciato una relazione con tale Viola. 

 Finirà assai male: Viola e Azzurra inizieranno una storia e un assassino si occuperà di farli tutti fuori. Talmente tutti che anche il povero ornitologo si scoprirà in pericolo per procura.


IL TUO VIZIO E' UNA STANZA CHIUSA E SOLO IO NE HO LA CHIAVE – Regista Sergio Martino (1972):


Film davvero brutto la cui visione vale solo per una Edwige Fenech con un taglio alla maschietta, è liberissimamente tratto dal povero racconto di Edgar Allan Poe “Il gatto nero”, che non avrebbe meritato di essere coinvolto.

 Oliver è uno scrittore fallito e manesco che probabilmente aveva un rapporto incestuoso con sua madre, sempre rimpianta, e ne venera un feroce gatto nero a lei appartenuto.
 Sua moglie subisce le angherie del marito e del gatto e medita vendetta, senza mai metterla in atto. 

 Poi un giorno, subito dopo la morte della cameriera, arriva la nipotina di lui, Floriana aka Edwige Fenech, reduce, minigonna e capello corto, da sei mesi in una comune a Parigi.
 L'avvenente nipote seduce moglie e marito senza problemi. Finirà male.

 Anche qui gli eco anni '70 riecheggiano in una strana scena di sesso libero che adesso qualsiasi regista avrebbe timore a infilare in un film (da quel punto di vista, ebbene sì, siamo diventati esponenzialmente puritani).


UNA RAGAZZA PIUTTOSTO COMPLICATA – Regista Damiano Damiani (1968):

Assurdo noir con al centro un triangolo che alla fine diventa sanguinoso quadrato. 

 Un uomo ascolta casualmente una telefonata assai torbida e sexy tra due donne, Claudia e Greta, e, come ogni maschio etero degli anni '60 che si rispetti, pensa di rintracciarle scopo conversione.
 Ce la fa e inizia una relazione con Claudia, l'anello bisessuale della lesbica coppia, la quale le riferisce di essere fidanzata con tale Pietro e, in più, amante della seconda moglie di suo padre, la succitata Greta. Finirà ovviamente in tragedia.

Il film, per incredibile che possa essere, ha come protagoniste Florinda Bolkan (la malvagia Greta) e Catherine Spaak nei panni della bisex manipolatrice. 

Tratto da un racconto di Alberto Moravia (che purtroppo non sono mai riuscita a trovare), “La marcia indietro”.


LA MORTE HA SORRISO ALL'ASSASSINO – Regista Aristide Massaccesi (1973):

Più che giallo all'italiana, meriterebbe un posto nell'horror e usa la classica tecnica della
protagonista che seduce una coppia. 

 All'inizio del '900, una ragazza, Greta, si ribalta con la sua carrozza davanti ad una villa (sì, vaghissimo riferimento a “Carmilla”) e viene curata dai coniugi che la abitano, Walter ed Eva e da un medico, il dottor Sturges. 

 Nonostante la quiete del luogo venga turbata da un paio di omicidi, Greta seduce sia Walter che Eva, non sapendo che avrebbe scatenato un dramma lesbico in piena regola. Eva, infatti, scoperto che Greta non disdegna la compagnia di suo marito, decide di murare viva la sventurata. 

 Da lì è un crescendo horror, di omicidi composti da cadaveri in decomposizione e misteriosi amuleti incas in grado di riportare in vita i morti. Finirà in una simbiosi lesbica da oltretomba.


L'ASSASSINO HA RISERVATO NOVE POLTRONE – Regista Giuseppe Bennati (1974):

Un riccone stravagante possiede un teatro che tiene sempre chiuso

 Una sera invita nove amici a fare un giretto per mostrarglielo, tutto bello, se non fosse che i dieci si ritrovano sprangati dentro il teatro, dove, si scopre, anni prima, era stata uccisa un'intera famiglia.
 Ovviamente iniziano a perire uno ad uno, sotto i colpi del classico misterioso assassino dalle mani guantate: è qualcuno di loro oppure c'è qualcosa di sovrannaturale che aleggia in quei luoghi?

Tra i nove amici dell'allegra brigata c'è un'avvenente coppia lesbica: Eva Czemeris, nei panni di Rebecca, e Lucrezia Love, in quelli di Dorys.

 Finiranno peggio di tutti e avranno persino l'onore di apparire nella locandina del film, truculentissima ed evidente rivisitazione di un “Dieci piccoli indiani” in cui chiunque abbia deviato dalla morale comune fa una fine tristerrima.

 Ovviamente questa è una goccia nel mare. Ma chissà che non faccia una seconda parte adesso!

La favolosa scena di "Una lucertola con la pelle di donna"

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...