venerdì 24 aprile 2015

Il riassunto fumettoso di "Tre metri sopra il cielo", parte I! Bulli, cape, camomille, moto, teppisti dai nomi improbabili, secchione da schiavizzare, furti, necessità impellenti e un tocco di letame.

Come era già successo per il fumetto sulle 50 sfumature, anche nel caso di codesto riassunto di "Tre metri sopra il cielo" di Moccia, la pietra dello scandalo è un articolo di Internazionale di Nadia Terranova che puntava il dito contro i "lettori onnivori"
Moccia dovrebbe accendere un cero a Scamarcio (che, nonostante
tutto, ho sempre trovato persino io che sia davvero bello).
La sua tesi arrivava a giuste conclusioni, ossia che non basta leggere per essere intelligenti o aprire la mente (basta vedere le sentinelle in piedi), molo dipende da cosa leggi. Il presupposto però era un po' sbagliato: secondo me un lettore non diventa lettore vero da subito, la maggior parte partono, giustamente, da letture onnivore, l'importante poi, è elevarsi.
 Sulla pagina di fb di codesto blog molti si sono scatenati ponendo come lettura onnivora fatta in ggggioventù "Tre metri sopra il cielo" che all'epoca piacque loro alquanto.
Ora, io ho mancato la follia dei 3MSC di un soffio e mi sono ben guardata dal recuperare tale prodigio. 
Tuttavia qualche anno fa, quando mi ero messa in testa di imparare (senza successo) lo spagnolo, mi sciroppai tutti e tre i film tratti dai due libri della saga di Moccia.
 Perchè tre?
 Perché uno era l'originale italiano, fatto con mezzi scadenti, con una Babi che definire legnosa è riduttivo e uno Scamarcio imberbe che fu l'unica causa del successo in vhs di questa roba. 
3MSC alla spagnola
Il secondo era il remake spagnolo! Perché, dovete sapere, i nostri cugini iberici ci hanno fatto un film sul libro di Moccia e manco un filmetto come il nostro, ma una specie di kolossal con mezzi assai più grossi, una Babi meno gnègnè e uno Step che pareva uscito da Jersey Shore.
Il terzo era "Ho voglia di te" in cui una Laura Chiatti fuori tempo massimo faceva la parte di una diciannovenne stalker di Step dai tempi delle superiori.
 Il motivo per cui feci incetta visiva di queste cose fu il linguaggio praticamente terra terra, di una semplicità e linearità imbarazzante (ho visto in spagnolo anche quelli italiani). 
Il libro è, mi stupisco, non solo pallosissimo, ma violentissimo.
Le ragazzine vengono molestate di continuo da machi con le moto o la macchina, sono pseudobullette che per insultarsi a vicenda si dicono in continuazione che sono grasse, e non hanno altro interesse che non sia mantenersi in linea. I maschi sono maniaci ansiosi di fare a botte arrabbiatissimi coi loro genitori incapaci di dare amore (?), cosa che, a quanto pare li giustifica in tutte le loro nefandezze.
 Su tutto regna Moccia che ci consegna quello che a me parrebbe un libro da non far leggere a un adolescente manco per sbaglio e che invece ha scalato le classifiche per anni. Tristezza estrema.
 Ma capirete meglio con il riassunto fumettoso di "Tre metri sopra il cielo"!Parte I!












13 commenti:

  1. No ma che chicca dev'essere tre metros sobra el cielo??
    "Sei arrivata giusto in tempo per assistere alla morte del femminismo" TOP

    RispondiElimina
  2. Ho letto metà e non ce l'ho fatta, ed è il tuo fumetto che per lo meno è divertente! Solo per aver letto il libro ti dico subito che sei un'eroina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo farlo più corto, ma ha una trama fittissima, piena di episodi contorti che si agganciano ad altri episodi contorti per giustificarli (e ho evitato le digressioni sui grandi amori di Babi)

      Elimina
  3. Madonna, io ero in quarta superiore quando è uscito 'sto coso. E ho dovuto pure subire la beffa della genitrice che me l'ha regalato per Natale per farmi la sorpresona, visto che non voleva regalarmi nulla che le avessi saggiamente consigliato T_T

    RispondiElimina
  4. io dovevo essere in 3 liceo quando l'ho letto...uno strazio...il tuo fumetto e' piu divertente

    RispondiElimina
  5. Io alle superiori mi ero letta pure "100 colpi di spazzola", che se sei in vena di riassunti fumettosi trash sai dove andare a parare!!. Disagio.

    Barbs

    RispondiElimina
  6. Complimenti, riassunto molto divertente!
    Io devo essere una delle poche ragazze che all'epoca, nonostante fosse proprio nel periodo dell'adolescenza e nonostante quasi tutte le sue coetanee adorassero Moccia, evitavano lui, i suoi libri e i relativi film come la peste. Inutile dire che questo era uno dei tanti motivi per cui ero isolata e a volte perseguitata dalle altre...
    Nonostante quelli del liceo siano stati anni orribili, sono fiera di essere rimasta fedele alla mia nerdosità XD

    RispondiElimina
  7. Uhm... sospettavo 'sto libro fosse una sòla pazzesca, ma non credevo fino a 'sto livello. BaBBa Bia! °_°
    Sorella, il tuo è coraggio vero!

    RispondiElimina
  8. Proprio schifoso, e anche ci dobbiamo preoccupare noi (sono di Barcellona) ancora di più per questo:

    Perché, dovete sapere, i nostri cugini iberici ci hanno fatto un film sul libro di Moccia e manco un filmetto come il nostro, ma una specie di kolossal con mezzi assai più grossi, una Babi meno gnègnè e uno Step che pareva uscito da Jersey Shore.

    Veramente è stato il film che tutte volevano vedere...

    RispondiElimina
  9. E' più terribile di quel che pensassi D:

    RispondiElimina
  10. Al di là di tutta la violenza e il maschilismo di questo libro, la cosa che più mi ha irritato è che è pieno di spot occulti. Un continuo citare la marca di tutto... dalle mutande di Babi alla cintura Camomilla e così via... ma Moccia l'hanno sponsorizzato per questo libro?

    RispondiElimina
  11. Guarda, io ero giusto alle scuole superiori, quando è uscito il libro... Ma anche fra i miei coetanei c'era chi ne parlava male. xD Io non l'ho mai aperto, se non per sbirciare qualche pagina. E sono contenta di non averlo letto, ora che ho visto anche il tuo riassunto fumettoso. ;)

    RispondiElimina
  12. Dai tuoi fumetti sembra meglio 50 sfumature, accipicchia. Tra l'altro io credevo che Babi fosse una ragazza snob sì, ma socialmente invisibile alla 50 sfumature, mica la capa della scuola.
    Posso comunque confermare che questo libro non ha fatto danni: tutte le mie amiche che a 14 anni l'hanno letto (ricordo come passasse sottobanco a scuola) l'hanno ripudiato. Da tempo hanno superato pure la vergogna e ci ridono sopra.
    Però io non capisco: io vengo da un paese in cui la classe sociale di Babi coi suoi problemi di noia non c'è (i violenti e le fighe che si accompagnano ai bulli sì però), immedesimarsi è impossibile, e allora perché la mania collettiva (prima del film)?

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...