lunedì 5 novembre 2018

"Il giro del Giappone in 15 giorni: il maid cafè!" Un fumetto a base di sottoscala, soba, Shibuya e omelette.

 Ed è finito il mio primo Lucca Comics dall'altra parte della barricata!

Che beltà avere un pass <3! Ho scoperto la meraviglia del poter girare senza l'ansia di fare le code ovunque e ho fatto tutte quelle varie cose che sono cool in loco, soprattutto bere di sera assieme a frotte di autori.

Depenno l'esperienza da fare dal grande blocco delle esperienze di vita.

 In tutto ciò, tutte le ore passate allo stand hanno dato i loro frutti: ho disegnato abbondanti fumetti che pioveranno ancor più abbondanti sul blog nei prossimi giorni!

 Ecco a voi la seconda parte del resoconto del  viaggio di nozze in Giappone! 
 "Il giro del Giappone in 15 giorni: Il maid cafè"! 







Fine seconda parte (e non ho ancora parlato di bento ed okonomiyaki, più avanti dai)!
Ecco a voi le foto!








9 commenti:

  1. Beh si, credo che sia molto sessista.

    RispondiElimina
  2. Sessisra sì, ma talmente demenziale da essere davvero divertente ❤️💛💚💙💜💖💝💜💙💚💛❤️💟

    RispondiElimina
  3. (Ma la roba in foto che cos'è?)

    RispondiElimina
  4. Ciao, leggo da molto il tuo blog ma solo ora commento perchè ho "riso" troppo x'D <-battutone

    Beh, quella che tu chiami omelette giapponese in realtà si chiama "omelette rice" ("omurice" per gli amici), quindi è ovvio che ci sia il riso x'D
    Nooo, come non ti piacciono i soba?! Sono la cosa più simile ai nostri spaghetti che si possa trovare XD Ma sai che io non ho mai assaggiato gli udon in Giappone, perchè un mio amico mi diceva "No! Sono la cosa peggiore per un italiano, scotti e viscidi!!" e mi aveva impressionata XD Poi li ho mangiati ad Hong Kong, e mi sono piaciuti, LOL.
    Sono inoltre felice di sapere di non essere l'unica a trovare i dolci giapponesi insipidi e stoppacciosi. SUGAR POWER!

    LOL, non sono mai stata ad un maid cafe, ma ho fatto di peggio. Sono andata in un cafe a tema yaoi dove i tipi fingevano di essere in relazioni gay tra di loro x'D Quindi credo che questo genere di servizi vadano ben oltre il sessismo, vendono sogni irrealizzabili ai loro clienti.
    Sono stata anche ad un sacco di locali a tema anime gestiti da fan privati, e pure lì partivano soldi a palate... In pratica, sognare, o quanto meno immergersi in un sogno, in Giappone, costa. --Che alla fine io trovavo molto più divertente stare in metro e farmi i filmini mentali sugli studenti. Era diventato una sorta di gioco tra me e la mia amica, e ci eravamo "affezionate" a questi due tipi, un ragazzo e una ragazza che andavano a scuole differenti e stavano in piedi vicini attaccati alle maniglie, che noi avevamo deciso essere innamorati pur non conoscendosi, ed ogni mattina vivevano per intravedere lo sconosciuto amato sulla metro, anche senza rivolgergli la parola-- Divertentissimo, ed era gratis!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo dell'esistenza dei butler cafè, ma non di quelli a tema yaoi! Deve essere una roba stranissima! Ma poi mi domandavo: questi ragazzi e queste ragazze che ci lavorano lo fanno per lo stipendio o c'è anche qualche altro oscuro motivo che mi sfugge?
      Sapevo dai telefilm del riso nell'omelette, ma ora che l'ho assaggiata me ne sfugge ancor di più il fascino -.-"
      Gli udon li avevo già mangiati a Milano in un famoso ristorante giappo che ora posso dire con cognizione di causa che cucinano davvero giappo e mi erano piaciuti molto, è vero sono viscidi, ma perché c'è il brodo! La soba probabilmente aveva il problema del grano saraceno che proprio non mi piace e mi rovinava tutti i sapori -.-
      Gli unici dolci che importerei invece sono gli anpan allo yuzu, la marmellata di azuki da mettere sul pane tostato e persino quei gelati amari che alla fine erano davvero rinfrescanti nonostante il sapore meh!
      In metro io e Dolcemetà invece siamo andate sempre in orari stranamente calmi!
      Ma tu sei stata per tanto tempo?

      Elimina
  5. Ehm... volevo i nomi di tutte le portate fotografare 😃

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo è soba in brodo d'anatra con anatra e porri, poi soba in zuppa di miso (quelle robe che vedi galleggiare sono alghe e credo albumi d'uovo fritto), omelette con dentro il famoso riso fritto, inaspettato muffin di tofu delizioso (l'unica cosa col tofu che mi è piaciuta) e infuso di yuzu, dango da cuocere!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...